CREMA - 10/07/2017
SUCCESSO PER LA “LUCIA DI LAMMERMOOR”
SUCCESSO PER LA “LUCIA DI LAMMERMOOR”
Con una serata di grande lirica il Circolo delle Muse di Crema ha chiuso sabato la sua nona stagione.
In scena, nel suggestivo spazio del secondo chiostro dell’ex convento di Sant’Agostino, la “Lucia di Lammermoor”, la più famosa delle tre opere serie di Gaetano Donizetti, interpretato in modo eccelso da un cast internazionale affiatatissimo: il soprano Medea De Anna nel ruolo di Lucia, il tenore Cristiano Amici nei panni di sir Edgardo di Ravenswood, il baritono Matteo Jin in quelli di lord Enrico Ashton, il basso Emil Abdullaiev che ha dato voce a Raimondo Bidebent, mentre i tenori Claudio Grasso e Daniele Palma sono stati rispettivamente lord Arturo Buclaw e il Normanno amico di Enrico, e il mezzosoprano Liudmila Chepurnaya ha dato voce ad Alisa la damigella di Lucia.
Nei ruoli delle comparse sul palco son saliti componenti del Gruppo Teatrovare di Castelleone e della Compagnia Tilt di Treviglio, entrambi note e apprezzate dagli appassionati melomani che seguono gli spettacoli proposti dal Circolo delle Muse, che con l’eccellente esibizione di sabato han chiuso alla grande il proprio 3° Festival Lirico. Strappando applausi a scena aperta anche per la convincente esecuzione dal parte dell’Orchestra – completata, per l’occasione, con i giovanissimi musicisti della Soncino Percussion Academy, che hanno confermato la loro partecipazione agli eventi del Circolo – e del Coro del Festival diretti dal maestro Fabrizio Tallachini.
L’allestimento scenico ideato dal presidente del Circolo delle Muse Giordano Formenti – che ha firmato anche la regia – assistito da Ginevra Formenti, ha enfatizzato il fascino del chiostro, con suggestivi giochi di luci sotto gli archi del camminamento sul fianco dell’ex refettorio del convento.
Belli infine, nella loro raffinata semplicità, anche i costumi realizzati dalla giovanissima Serena Rizzo, altra ottima conferma tra i collaboratori del Circolo.
L’insieme ha davvero incantato il pubblico, che ha espresso apprezzamenti con prolungati scrosci d’applausi alle parti d’orchestra, cavatine, recitativi, duetti e arie che i bravi protagonisti hanno interpretato in modo magistrale. Rendendo nelle rispettive vocalità le caratteristiche dei singoli personaggi: dagli slanci drammatici e dai gorgheggi in alta tessitura, volate e volatine, trilli, note ribattute e picchettati, in particolare, di Lucia; agli accenti soavi e struggenti di Edgardo...
Una serata d’encomio per il Circolo delle Muse, che sta già lavorando alla programmazione dell’anno del decennale. L’appuntamento per la presentazione della stagione 2017-18 è già fissato per soci, amici e simpatizzanti per il pomeriggio di sabato 16 settembre in centro città.

CREMA - 10/07/2017
® RIPRODUZIONE RISERVATA



  Stampa



Cultura & Scuola