CREMA - 19/05/2017
RIVOLTA - TRUFFATA DAL FALSO AVVOCATO
RIVOLTA - TRUFFATA DAL FALSO AVVOCATO
La truffa dei falsi avvocato e carabiniere miete un’altra vittima. Nella mattinata odierna a Rivolta d’Adda una 60enne è stata raggirata da un uomo che è riuscito a farsi consegnare gioielli per 2.000 euro di valore.
La malcapitata vittima del raggiro è stata contattata intorno alle 10.30 da un sedicente militare dell’Arma che la informava di come il figlio fosse rimasto “coinvolto in un sinistro stradale – spiega il maggiore Giancarlo Carraro –. L’uomo ha aggiunto che il ragazzo si trovava in caserma a Cassano d’Adda e che per poter essere rilasciato serviva la somma di 6.500 euro che la donna avrebbe dovuto consegnare a un avvocato che da li a poco si sarebbe presentato a casa”.
In stato di agitazione la 60enne comunicava di non avere a disposizione il denaro e “veniva convinta a consegnare i propri gioielli. Dopo pochi minuti sentiva suonare il campanello di casa ed al sedicente avvocato, consegnava alcune catenine ed anelli in oro del valore di circa 2.000 euro”.
A quel punto la rivoltana contattava sul telefono cellulare il figlio scoprendo che non gli era capitato nulla. Capendo di essere stata vittima di una truffa chiamava immediatamente i Carabinieri. Che hanno avviato una indagine.ì
“L’invito che viene rinnovato alle potenziali vittime – conclude Carraro – è quello di non accondiscendere a nessuna richiesta ma di chiamare il numero di emergenza 112 per segnalare o richiedere informazioni in merito, attraverso il quale si invierà immediatamente sul posto personale per accertare la reale situazione e magari identificare i responsabili della tentata truffa”.

CREMA - 19/05/2017
® RIPRODUZIONE RISERVATA



  Stampa



Cronaca